martedì 26 febbraio 2013

Lo stemma del Messico



Centinaia di anni fa, il popolo Azteco viveva tranquillo e pacifico da qualche parte del continente americano. Dico da qualche parte perchè nemmeno noi bene lo sappiamo, ma gli studiosi fanno un sacco di ipotesi: qualcuno ha detto che si trovavano nel Wisconsin, qualcuno sulle coste orientali del Messico, qualcuno dice venissero da Ronco Scrivia mentre qualcun altro addirittura dice che venissero da Atlantide.

Dovunque fossero, non dovevano starci poi un granchè bene, perchè un giorno il Dio degli Aztechi (che non si chiamavano ancora Aztechi, ma Mexica) comandò loro di costruire una grande città da un'altra parte. E loro presero armi e bagagli e partirono senza batter ciglio, ma mica come il nostro buon Abramo che è partito senza nemmeno sapere per dove. 
Beh, insomma, forse un po' sì, anche perchè il Dio degli Aztechi gli aveva dato informazioni un po' vaghe a riguardo. La città dovevano costruirla dove avrebbero trovato un'aquila che uccideva un serpente.

L'aquila poi la trovarono, ma stava appollaiata sopra ad un cactus.

In cima ad una roccia.

In mezzo ad un lago.

Caramba! (ed è da qui, si pensa, che nasce la famosa espressione in spagnolo)
Costruire qui una città era un affare serio! Ma gli Aztechi non si persero d'animo, e piano piano riuscirono a costruire la loro capitale, Tenochtitlan!

Poi nel cinquecento è arrivato Cortés, che vide una città gigantesca, magnifica, come poche ce n'erano in Europa. E quindi decise ben di raderla al suolo e costruirci sopra Città del Messico, prosciugando poi quel poco di lago che era rimasto.


Ecco, la storia dello stemma del Messico è questa. Vi è piaciuta?

2 commenti:

  1. Bella bella :)

    RispondiElimina
  2. Sei sicuro che fossero gli Aztechi e non Cortés a venire da Ronco Scrivia?
    Anche se, visto il cognome, tenderei più verso Isola del Cantone chge verso Ronco Scrivia :)
    Saluti,
    Mauro.

    RispondiElimina